Cava di bauxite ad Otranto nel Salento, una meta obbligatoria

Situata nel versante est della penisola salentina ( raggiungibile dalla Brindisi Otranto) per descrivere la Cava di Bauxite di Otranto e il laghetto che è venuto a crearsi al suo interno esiste una sola parola: suggestivo!

La Storia della Cava di bauxite Il paesaggio della Cava Come raggiungere il Cava di bauxite di Otranto

La Storia della Cava di bauxite

Negli anni ’40 venne scoperto nei pressi di Otranto un giacimento di bauxite (un precursore dell’alluminio), il sito di estrazione rimase attivo fino al 1976 quando lo sfruttamento della Cava di Otranto venne interrotto a causa della scarsa qualità della bauxite trovata, si trattava infatti di pirulite e non di bauxite pura, così l’azienda impegnata nell’estrazione decise interrompere i lavori.

Il paesaggio della Cava

A causa della naturale conformazione carsica del territorio del Salento, ben presto il fondo della cava iniziò a riempirsi di acque di falda, dando a tutta la zona un’aria davvero magica.

L’area della cava è completamente aperta ad ogni accesso senza restrizioni, ci si può avvicinare fin sul bordo o addirittura scendere fino al laghetto, dove non è difficile, soprattutto in estate, trovare qualche coraggioso fare il bagno nelle acque verdi smeraldo abitate da molti pesci rossi, probabilmente portai lì da qualcuno.

Al contrario è possibile incontrare tutto l’anno escursionisti a piedi o in bicicletta che privatamente o tramite gruppi organizzati percorrono l’area lungo la scogliera fino a punta Palascia, che si trova poco distante.

Il contrasto dei colori e luci uniche fanno di questo posto un meta obbligata, qualunque sia la vostra destinazione nel Salento, dedicare un paio d’ore a questa escursione nel vale la pena, il coloro rosso acceso della terra rossa tutta intorno, scavata in lunghi canali dall’acqua piovana, con il verde acceso e brillante della vegetazione edel laghetto sul fondo rendono questo angolo di Salento un posto unico in tutta l’Italia.

Come raggiungere il Cava di bauxite di Otranto

Partendo dall’aeroporto di Brindisi bisogna proseguire prima per Lecce lungo la statale SS613, giunti sulla tangenziale di Lecce prendere l’uscita 11B per Maglie e da qui proseguire per la SS16 fino ad Otranto.

Venendo da sud la strada da seguire è la SS275 Maglie – Santa Maria di Leuca e poi sempre tramite la SS16 proseguire per Otranto.

Il nostro consiglio comunque è quello di percorrere la magnifica litoranea Otranto – Santa Maria di Leuca che con i suoi panorami mozzafiato e le scogliere a strapiombo sul mare, renderà più piacevole il viaggio.

Porto Selvaggio parco naturale e la natura incontaminata nel Salento

L’Area marina protetta di Porto Selavaggio e della Palude del capitano è uno dei luoghi più suggestivi del Salento, essendo lontano da tutte le più importanti località della zona ha potuto conservare il suo fascino più incontaminato.

Si tratta di un parco naturale istituito ufficialmente nel 2006, ma che comprende altri parchi istituiti in precedenza, come quello di “Porto Selvaggio – Torre Uluzzo” (1980) e quello della “Palude del Capitano” (1997)

Area marina di Porto Selvaggio e della Palude del Capitano

Situato lungo il litorae ionico, tra Gallipoli e Porto Cesareo, si tratta di un’area protetta di ben 1122 ettari completamente inserita nel territorio del comune di Nardò e comprende da nord a sud Torre Inserraglio, Torre Uluzzo e la Torre dell’Alto che è il confine meridionale dell’area, da cui si può ammirare anche la bellissima Santa Caterina.

L’importanza dell’area, oltre alla bellezza paesaggistica, è dovuta alla sua ricchezza biologica, con alcune specie animali e vegetali ormai rare, difficili da incontrare in altre zone.

La “Grotta del Cavallo” invece deve la sua importanza ad alcuni ritrovamenti fatti al suo interno, ossa e disegni rupestri che fanno pensare che quest’aria sia stata abitata dai primi Homo sapiens europei, come riportato da National Geogragphic.

La costa di Porto Selvaggio

La bellezza di Porto Selvaggio è assolutamente magica, per raggiungere il mare è necessario camminare in una antica pineta per circa 20 minuti, ma la fatica è ripagata dalla vista spettacolare che si può godere una volta giunti sulla riva.

A differnze di altre zone come Gallipoli o Pescoluse, la costa è rocciosa, ma comunque di facle accesso grazie ad una piccola insenatura di ciottoli.

Con un paio di scarpette da scoglio la cosa migliore è avventurarsi verso calette più isolate e lontane, che daranno davvero la sensazione di trovarsi in un posto incontaminato e selvaggio.

In ogni caso ovunque decidiate di fermarvi, avrete sempre la certezza di trovare un mare trasparente e limpido come il cristallo.

Foto panoramica parco Porto Selvaggio Salento

Come raggiungere il parco di Porto Selvaggio

Ci sono vari modi per raggiungere Porto Selvaggio, per chi viene da Gallipoli è possibile seguire la litoranea in direzione nord, seguendo le indicazioni per Santa Caterina, altrimenti venendo da Lecce o dall’aeroporto di Brindisi, la strada più comoda da percorrere è la SS101 e prendere l’uscita per Nardò al Km31, da qui proseguire sempre per Santa Caterina lungo la strada provinciale SP17.

 

Grotta della Zinzulusa a Castro, come raggiungerla e cosa visitare

Il litorale adriatico della penisola salentina è caratterizzato da imponenti scogliere di rara bellezza, percorrendo la strada che da brindisi collega Otranto a Santa Maria di Leuca ( la parte sud est, rispetto alla Brindisi Gallipoli ) si può avere l’opportunità di godere di paesaggi meravigliosi costeggiando le alte scogliere calcaree che cadono a picco nel mare blu intenso dell’adriatico. 
Continua a leggere articolo Grotta della Zinzulusa a Castro, come raggiungerla e cosa visitare

Eventi Sagre nel Salento Agosto Settembre 2015

Trascorrere le vacanze nel Salento negli ultimi anni è diventato un appuntamento irrinunciabile per molti italiani e stranieri, di giorno sotto il sole cocente, le spiagge salentine offrono rinfresco e con un mare limpido da far invidia alle mete turistiche straniere. Gallipoli, Otranto, Santa Maria di Leuca sono solo alcune delle estremità della terra salentina, da est a ovest e a sud la penisola salentina è ricca di serate all’insegna della cultura. Continua a leggere articolo Eventi Sagre nel Salento Agosto Settembre 2015

Uber pop cos’è e perché è stato bloccato in italia

In questi giorni e principalmente lo scorso martedì 26 maggio, il mondo del trasporto persone è in fermento per la notizia del blocco di Uber Pop da parte del tribunale di Milano . Il servizio a metà tra un taxi (senza licenza) e un servizio di car sharing, permette a chiunque abbia patente e auto di offrire un servizio di trasporto persone, tramite un uberpop app difatti questa sentenza intima gli utenti uber milano e italiani a cessare il servizio. Continua a leggere articolo Uber pop cos’è e perché è stato bloccato in italia

Trasporti Salento, come spostarsi e consigli utili per chi viaggia

littorine-vecchie-nuoveAvete pianificato la vostra vacanza nel Salento e non vedete l’ora di immergervi nel mare di gallipoli o in quello della marina di pesculuse, o di arrivare al vostro villaggio turistico salentino.

Qualunque sia la vostra meta, noi vi consigliamo i migliori Trasporti Salento, come spostarsi e consigli utili per chi viaggia. Quindi prenotate ,se ancora non lo avete fatto, la vostra vacanza salentina, perché dagli aeroporti di bari o di brindisi, dalla stazione ferroviaria di lecce o dal porto di brindisi a farvi raggiungere la vostra casa vacanza ci pensiamo noi. Continua a leggere articolo Trasporti Salento, come spostarsi e consigli utili per chi viaggia